The Glenlivet

The Glenlivet

500 milioni di anni fa violente eruzioni vulcaniche hanno formato la Scozia, lo scioglimento dei ghiacci ha lasciato in dote un luogo primordiale, selvaggio, circondato da granitiche montagne e da fiumi di acqua cristallina, questo è lo Speyside, questa è la zona di Glenlivet e questo è "The spirit of the Glen".

Posizionata nella zona più remota dello Speyside con a sud la catena dei monti Cairngorm la zona di Glenlivet è la più selvaggia e isolata, difficile da controllare e da raggiungere, una regione con ampie risorse naturali, acque cristalline e ricca torba che ne fecero la zona perfetta per la produzione di whisky ma anche per la distillazione illegale praticata in abbondanza già dall'inizio dell'Ottocento. Il whisky distillato qui era insuperabile e la Glenlivet, fondata da George Smith, era la distilleria migliore. Si narra che re Giorgio V, nella sua visita ufficiale in Scozia del 1822, chiese proprio un assaggio di Glenlivet un fatto curioso e scioccante allo stesso tempo, un monarca che chiede di assaggiare un whisky illegale, ma che da l'idea di quanto fosse famoso il Glenlivet all'inizio dell'Ottocento.

Nel 1824 George Smith consegue la licenza per la produzione di whisky e la sua distilleria è la prima ad uscire dall'illegalità e in una zona dedita al contrabbando questo gli procurò un gran bel numero di nemici. Ma George era un uomo determinato, una vera forza della natura e tutt'altro che stupido, infatti girava sempre armato di due pistole (regalate personalmente a Smith dal Laird di Aberlour) e usate in più di un occasione per legittima difesa.

Gli anni passano e la Glenlivet grazie al suo ottimo prodotto aumenta le proprie vendite e l'azienda inizia ad espandersi, nel 1871 la distilleria è in grado di produrre ben 18.000 litri di whisky alla settimana. Ma John Gordon Smith (figlio di George) deve affrontare una nuova sfida; il Glenlivet è ormai il single malt whisky più famoso dello Speyside e molti altri distillatori usano il suo nome per vendere i propri distillati. Dopo anni di battaglie legali John vince la guerra e ottiene il diritto di essere l'unico a chiamare il proprio whisky "The Glenlivet".

Nel 1933 finisce il Proibizionismo negli Stati Uniti e la Glenlivet è l'azienda meglio attrezzata per venire incontro alla crescente richiesta statunitense, nel 1950 il Glenlivet è famosissimo e occupa il 50% di tutto il mercato dei single malt venduti negli Stati Uniti e il famoso attore Robert Taylor scrive alla distilleria per procurasi una cassa di The Glenlivet per il set di Quo Vadis lo storico film di Hollywood del regista Mervyn LeRoy.

Oggi, dopo quasi 200 anni di storia, il Glenlivet è il secondo Single Malt più venduto al mondo dietro solo al Glenfiddich, ma la battaglia è appena iniziata...

Curiosità: La Glenlivet opera con 14 alambicchi, sette per la prima distillazione e sette per la seconda, l'acqua utilizzata proviene dal ruscello Josie's Well e l'orzo viene selezionato dalle coltivazioni del Banffshire. Nel processo di essiccazione non viene usata torba e per la fermentazione la distilleria utilizza ancora oggi tini di legno al posto di quelli di acciaio inox. Per la distillazione si usano alambicchi che hanno la forma e la dimensione originale progettata da George Smith più di 150 anni fa.



  • REGIONE
    Speyside (Scozia)
  • ANNO DI FONDAZIONE
    1824
  • EQUIPAGGIAMENTO
    7 Wash Still & 7 Spirit Still
  • CAPACITÀ
    10.5 milioni di litri l'anno
© Whisky Italy
Mostra come Griglia Lista

6 elementi

per pagina
Imposta la direzione decrescente
Mostra come Griglia Lista

6 elementi

per pagina
Imposta la direzione decrescente